Ping pong poetry: John Elle, Masini e Metallica

Metallaro, rimembri ancora quel tempo della Tua vita borchiata, quando Masini traduceva Metallica?
Operando sfrontata PING PONG POETRY: John Elle traduce Masini che *tradusse* [insomma… Ecco, sì! Ci siamo capiti] Jimbo.
Come non amarLo?

A’ FREGNA CHE TE CECA

Ao’ che dovemo fa’?
Tre ore che stamo qua
insomma te voi sbriga’
A’ fregna che te ceca.

Lo vedi, se sta’ a spoja’
movite, che stai a fa?
stai ancora a tergiversa’,
ma falla finita!

Da lì nun te movi più
sei un ciocco de legno, tu
in faccia te sta’ arriva’
A’ fregna che te ceca

Ma sentime n’attimo tu
Ma il cazzo ce l’hai o no?
me sa’ de no

Mo’ je parli pure de tu zia
metti ansia e se ne va via
ma famme la cortesia…
A’ fregna che te ceca

Da lì nun te movi più
A’ Masini sei scemo tu
e tirate n’attimo su
A’ fregna che te ceca

E qui ce stamo pure noi
Ce l’hai fatti a brandelli ormai
E movite un po’ de più
“Voglio il tempo che non ho”
n’arto po, si…

Ao’ che dovemo fa’?
Tre ore che stamo qua
S’è rivestita e se ne sta anna’
A’ fregna che te ceca.

[In attesa qualcuno vocalizzi capolavoro Elliano – Pap3ro come chiosa/chiusa]

Annunci