IL DRAMMA SCOZZESE

Tutto comincia con l’idea di creare un’opera sotto «l’egida demoniaca» di Lady Macbeth. Ho chiesto ad alcune poetesse e performer di registrare, coi mezzi a loro disposizione, alcuni brani della tragedia di Shakespeare, senza alcun vincolo di tempo o di modo. Hanno accettato l’invito le poetesse/performer Rosaria Lo Russo, Sara Davidovics, Chiara Daino e Irene Brandi, la cantante/attrice Raffaella Benetti, la poetessa Erminia Passannanti e la sound artist Majena Mafe, le quali mi hanno spedito in formato mp3 le loro registrazioni. Ne è venuta fuori questa opera radiofonica invadente, confusa, senza centro. A suo modo, produce se stessa come corpo orribile e, insieme, affascinante. Una forma ibrida, come quella di una sirena, bella sui generis, insolita, che attrae a sé e disorienta. E il cui canto non ha altro messaggio che la propria eccedenza. Vi è, in quest’opera che procede per «improvvisi bagliori», un tentativo di rinnovare l’arte radiofonica: rifuggendo dall’andamento lineare della disposizione, nello spazio d’ascolto, di personaggi e suoni d’accompagnamento, mira ad aprire nuove prospettive percettive. Questa Sirena è ciò che apre un diverso ascolto e, nel pieno rispetto del canone shakespeariano, invita all’assassinio di se stessi.

[Il frammento recitato in tedesco è di Helen Weigel, alla cui memoria è dedicata quest’opera]

in: http://www.neviogambula.it/altrascena/?p=442

E ringrazio Nevio Gambula, per la mista di Milady…

Annunci
  • Calendario

    • ottobre: 2019
      L M M G V S D
      « Gen    
       123456
      78910111213
      14151617181920
      21222324252627
      28293031  
  • Cerca